Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

Dov’è finita MPE Energia?

MPE energiaLa liberalizzazione del mercato elettrico, che dal 1° luglio 2007 permette anche ai clienti domestici, cioè a tutte le famiglie, di rivolgersi ad un fornitore concorrenziale, non può di certo definirsi statica: con l’apertura del mercato diversi operatori si sono affacciati sul mercato elettrico, ma sono anche velocemente spariti: se lo ricorderanno i bistrattati clienti de LA220, società fusa per incorporazione insieme alla società Modula Spa in Green Network Spa. E ora è la volta di MPE Energia che per fortuna lascia il mercato senza scioccare i propri clienti, anzi, e che ora si vedono semplicemente recapitare le bollette da Eon Energia.

MPE Energia ormai dallo scorso aprile 2009 è integrata al 100% a Eon Italia. MPE è stata una delle prime società che ha vivacizzato il neo mercato domestico con diverse offerte di energia elettrica per le famiglie. Ora del sito non rimane traccia, se si cerca MPE Energia si atterra su questo sito che informa i clienti che “Eon è uno dei più grandi gruppi energetici al mondo a capitale interamente privato, scelto da più di 30 milioni di clienti, che dal 1 gennaio 2010 integra le competenza e l’esperienza di MPE Energia”.

Ma il mercato dell’energia per definirsi liberalizzato ha sempre più bisogno di nuovi operatori e non solo dei colossi europei, o meglio mondiali, come Enel, Edison, Eon ed Eni.



    Google E-mail this story to a friend! Print this article! TwitThis Facebook

2 commenti su “Dov’è finita MPE Energia?”

  1. Ciao, in effetti è stato un lapsus. volevo dire E-on per i privati e erg per il business, come “novità” 2010.

    Tranquillizza i colleghi di erg, non voleva essere una soffiata!! :-)

  2. Come posso uscire da Enel energia,dove sono entrato con offerta anno sicuro il 16/04/07 a 8,60 Eurocent al kwh. Terminata l’offerta in automatico senza consultasrmi, il prezzo è passato a 141,30 €. x energia giorno 86,30 €. x energia notte weekend,prezzi esorbitanti che si sono più che mangiati il rispartmio dell’offerta!

Lascia un commento