Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

La bolletta in Francia è meno cara: per il nucleare?

Bolletta in FranciaSi chiacchiera di nuovo sul ritorno all’energia nucleare in Italia. Enel e la francese EDF nel frattempo hanno già preso accordi, perché il ritorno al nucleare sembra l’unico modo per riuscire a raggiungere gli obiettivi del pacchetto UE “20-20-20”, o meglio l’obiettivo sulla riduzione del 20% delle emissioni CO2. Ma se le centrali nucleari verranno terminate intorno al 2030 (dato realistico e non politico) significa che il programma nucleare italiano non risulta coerente con le tempistiche del pacchetto clima-energia europeo. E significa soprattutto per le tasche degli italiani, che le bollette continueranno ad essere care per qualche decennio. Ma prima di sgranare gli occhi davanti alle differenze strabilianti tra i costi della nostra bolletta della luce e di quella in Francia, a disposizione alcuni dati per capire che per noi italiani “nucleare” non significa automaticamente pagare di meno la bolletta di energia elettrica.

L’Italia ha infatti intenzione di costruire 4 centrali nucleari mentre la Francia ne vanta già 19 con la bellezza di 58 reattori. Non per niente la fonte di energia elettrica principale in Francia è per l’85% il nucleare e solo il 3% il gas. L’Italia vorrebbe raggiungere per il 2020 (o su per giù per il 2030) almeno il 20% di energia elettrica prodotta dal nucleare. E il rimanente 80%? Significa che continueremo ad importare energia elettrica e che (forse) investiremo anche nelle fonti rinnovabili, altro obiettivo tra l’altro del pacchetto clima europeo da non trascurare.

Ma poi la bolletta diminuirà davvero come promesso? Attualmente paghiamo una componente per lo smantellamento delle centrali nucleari a distanza di ben 20 anni dalla loro chiusura. Secondo questa logica sarà perciò inevitabile pagare delle nuove componenti in bolletta: per esempio una componente per la costruzione delle centrali nucleari, una per il loro funzionamento e una per lo smaltimento scorie. Non vi pare?

Ma vediamo finalmente quanto pagano la bolletta di energia elettrica i francesi per un consumo di 2700kWh e 3kW di potenza e quanto paghiamo noi.

Francia: 376 € – Italia: 463€.

I costi cambiano quando si tratta di calcolare un consumo di 4500kWh e una potenza di 6kW.

Francia: 450€ – Italia: 1154€.

Sì certamente. Anche i francesi pagano nella bolletta le tasse, l’iva, i costi di trasporto, di trasmissione, costi sociali.

Ricordo che anche Spagna, Uk e Germania sono produttori di energia nucleare e che le loro bollette rimangono -stranamente- elevate. Leggi qui.



    Google E-mail this story to a friend! Print this article! TwitThis Facebook

Un commento su “La bolletta in Francia è meno cara: per il nucleare?”

  1. Greetings! Very useful advice within this post!
    It’s the little changes that make the greatest changes. Many thanks for sharing!

Lascia un commento