Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

Lettera di un lettore: spese di voltura della fornitura elettrica

lettera di un lettoreQualeTariffa pubblica una interessante lettera di un lettore, che si interroga sull’assurdità delle spese di voltura della fornitura elettrica per uso domestico.

Mi trovo nella necessità di dover intestare a mio nome un contratto ENEL Servizio elettrico per uso domestico (residenziale, a Genova) attivo ed attualmente intestato ad un’altra persona (il proprietario dell’alloggio, di cui io sono comodatario già da tempo), cioè devo effettuare una VOLTURA.

ENEL Servizio elettrico per la suddetta voltura pretende la somma di Euro 85,26 (preciso che l’importo medio delle mie bollette è minimo, dell’ordine di 15 – 18 euro circa per ogni bimestre).

Tale esborso a carico dell’utente mi sembra esageratamente esoso e ingiustificato, in quanto il semplice cambio d’intestatario di un’utenza già attiva non può comportare, di per sé, costi reali a carico dell’ENEL di tale entità, posto che una stessa voltura per la fornitura di gas (da parte dell’ex AMGA Commerciale di Genova, ora IRIDE), invece, è completamente esente da spese per il cliente.

L’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, da me interpellata telefonicamente al Numero Verde 800-166.654 mi ha già confermato la legittimità della pretesa di ENEL.

Tuttavia, vorrei evidenziare che, evidentemente, non tutto ciò che è legittimo è necessariamente anche giusto e opportuno. Soprattutto in questi momenti di grave recessione e di crisi economica, non è ammissibile una pratica commerciale che aggrava ulteriormente la spesa che pesa sulle famiglie italiane.

Pertanto, sto valutando l’opportunità di cambiare il fornitore di energia elettrica rivolgendomi eventualmente al “mercato libero”. Non è facile, però, districarsi nella giungla di offerte in cui i costi, tra l’altro, non sono sempre del tutto chiari e facilmente confrontabili, sebbene a questo scopo ritengo uno strumento senz’altro utilissimo il “Trova-offerte” presente sul Sito dell’Autorità.

Il quesito che pongo, a cui sinora non ho trovato soluzione, è: come posso intestarmi un nuovo contratto senza pagare le esorbitanti spese di voltura che (ancorché legittimamente) pretende ENEL Servizio elettrico?

Per me è una questione di principio: dover spendere oltre 85 euro per una voltura dell’utenza domestica residenziale del fornitore elettrico che, oltretutto, opera sul servizio “di maggior tutela”, mi sembra un abuso inammissibile nei confronti dell’utenza.

Ringrazio anticipatamente per eventuali indicazioni e suggerimenti in proposito.

Cordiali saluti.

Aldo, Genova



    Google E-mail this story to a friend! Print this article! TwitThis Facebook

8 commenti su “Lettera di un lettore: spese di voltura della fornitura elettrica”

  1. L’intestazione gratuita agli eredi in caso di morte è valido anche per servizi idrici? La voltura dell’acqua e gratis in caso di decesso?

  2. L’intestazione gratuita agli eredi in caso di morte è valido anche per servizi idrici? La voltura dell’acqua e gratis in caso di decesso?

  3. L’intestaWETione gratuiTta agli eredi in caso di morte è validoR anche per servizi idrici? La voltura dell’acqua e gratis in caso ?

  4. rob,
    ogni società ha un suo procedimento

    informati dal tuo fornitore

  5. Perfettame d’accordo con l’utente, purtroppo non esiste una vera concorrenza come non esiste un organo di difesa del consumatore. Il sistema e’ gestito un po’ da terzo mondo… Ma cosa ci vuoi fare e il sistema italiano…

  6. sono nella stessa situazione.
    purtroppo fintanto che si consentirà questo regime di monopolio (o oligopolio che sia), il popolo bue (noi) deve tacere e pagare.
    fossi il Sig. ENEL mi verrebbe da vomitare !!!
    saluti (e che gli 85 euro li spendano in medicinali)

  7. Ti fanno pagare pure la chiamata dal cellulare!Ho speso 15 euro di chiamate dal cell. per una voltura + costo voltura. D-accordo con i saluti di Luciano

  8. OGNI POPOLO HA IL GOVERNO CHE MERITA

Lascia un commento