Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

Liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica: domande e risposte

Cosa significa liberalizzazione del mercato dell’energia per un consumatore? Tutti i consumatori, industrie partite Iva e famiglie, possono cambiare fornitore e scegliere liberamente l’offerta di energia elettrica più conveniente e più adatta alle proprie esigenze.

Da quando esiste la liberalizzazione? Il 1° luglio 2007 ha segnato in molti paesi europei l’apertura totale del mercato energetico: anche le famiglie possono cambiare fornitore.

Perché il governo ha sempre queste idee strane? L’Italia era obbligata a convertire in legge la direttiva 54/2003 UE entro il 1° luglio 2007, quest’ultima prevede la realizzazione di un mercato dell’energia elettrica concorrenziale ed è valida anche per tutti gli altri Stati membri dell’Unione europea. La liberalizzazione del mercato energetico in Inghilterra e in Germania esiste ormai da 10 anni.

E prima della liberalizzazione? I consumatori non potevano scegliere tra tante offerte e venditori, poiché esisteva un’unica azienda che proponeva l’energia al prezzo regolato e fissato dall’Autorità per l’energia e il gas.

Chi può beneficiare della liberalizzazione del mercato? Tutte le famiglie, le aziende e le partite Iva.

E se non ho ancora cambiato fornitore cosa succede? Non succede nulla. Continuerai a pagare la bolletta al tuo vecchio distributore di energia al prezzo regolato e fissato dall’Autorità: le famiglie (da intendersi come clienti domestici) pagheranno la tariffa D2 strutturata in scaglioni di consumo se si utilizza una potenza inferiore o/e uguale a 3kW e la tariffa D3 senza scaglioni per una potenza superiore a 3kW.

Mi conviene cambiare fornitore? Sì, ma se ti trovi benissimo con il tuo attuale fornitore rifletti prima di cambiare! In ogni caso è sempre consigliato informarsi: al momento ci sono delle ottime offerte, ti consiglio di consultare anche il calcolatore di QualeTariffa e di leggere gli altri articoli sul blog che affrontano in modo approfondito i diversi tipi di offerte.

Quante sono le offerte? Grazie alla liberalizzazione le offerte sono sempre di più. E non solamente i vecchi nomi ex-monopolisti propongono interessanti offerte. Molti nuovi venditori si sono affacciati sul mercato con ghiotti prodotti: si pensi soprattutto alle offerte di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Come posso confrontare le offerte? Non esiste ancora nessun calcolatore online completo di tutte le offerte presenti sul mercato. QualeTariffa offre un veloce calcolatore per confrontare alcune delle offerte più convenienti.

Qual è l’offerta più conveniente? Edison Energia offre uno sconto del 20% sul prezzo energia. Strepitosa!

Ma il prezzo energia indica il prezzo finale? No, però il prezzo energia (PE) è l’unica componente della struttura della bolletta elettrica soggetta a sconti e modifiche da parte del mercato liberalizzato. Tutte le altre componenti purtroppo sono fisse e devono essere pagate sia dai clienti liberi sia da quelli rimasti nel mercato di maggior tutela, cioè quello regolato.

E la tariffa bioraria conviene? Per ottenere un risparmio con le tariffe biorarie bisogna concentrare i propri consumi per il 66% durante la notte e il fine settimana: quindi è consigliabile fare la lavatrice, la lavastoviglie e farsi la doccia solo dopo le 19. Se non siete sicuri della percentuale dei vostri consumi optate per una tariffa monoraria, per evitare di dover pagare inutilmente molto di più!

È difficile cambiare fornitore? No, ed è gratuito. Non c’è il rischio di ricevere due bollette dal vecchio e dal nuovo fornitore.

Altre domande sulla liberalizzazione?



    Google E-mail this story to a friend! Print this article! TwitThis Facebook

24 commenti su “Liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica: domande e risposte”

  1. non sono ruscita a capire se il mercato è veramente liberalizzato perchè tutto dipende ancora da ENEL. Qualsiasi proposta mi sia stata fatta alla fonte c’è ENEL.

  2. Sì sì, il mercato è liberalizzato a tutti gli effetti dal 1° luglio 2007. Ti consiglio di leggere gli articoli dedicati alle offerte di energia elettrica e noterai quanti operatori sono presenti sul mercato con proposte a volte molto più interessanti rispetto a quelle di Enel Energia. Probabilmente hai avuto la sfortuna di essere sempre contattata da Enel Energia e anche da Enel Servizio elettrico. Infatti la figura di Enel può a volte confondere le idee del consumatore. Enel Servizio Elettrico offre alle famiglie e alle piccole imprese le condizioni di riferimento fissate trimestralmente dall’Autorità: significa che queste famiglie non hanno ancora scelto le offerte sul mercato libero mentre Enel Energia propone diverse offerte sul mercato libero. È facile confondere questi due nomi .. legalmente non sono la stessa cosa per noi consumatori sono la stessa cosa.

Lascia un commento