Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

Residente o non residente? Le tasse dell’energia elettrica

I costi della bolletta dell’energia elettrica dipendono dai propri consumi e dalla propria residenza: il cliente non residente paga più tasse. Le tariffe dell’energia elettrica, fissate ed aggiornate trimestralmente dall’Autorità, si distinguono in tre tipologie.

1. La tariffa D2 è rivolta solo al cliente residente con una potenza contrattuale inferiore/uguale a 3kW. La tariffa D2 è strutturata in sei scaglioni di consumo, ciò significa che il costo del kWh si differenzia per ogni scaglione di consumo. Anche le tasse (le imposte erariali e le addizionali comunali) dipendono dagli scaglioni di consumo: fino a 1800kWh il loro costo è nullo. Per consumi superiori il loro valore è di 2,329c€/kWh.

2. La tariffa D3 è rivolta ai cliente residente con una potenza contrattuale superiore a 3kW. Dal 1° gennaio 2009 anche questa tariffa è strutturata in scaglioni e il costo delle tasse è sempre di 2,329c€/kWh per tutti i consumi.

3. La tariffa D3 è rivolta al cliente non residente (si parla normalmente di seconde case) indipendentemente dalla potenza installata. Il costo delle tasse sarà invece di 2,51c€/kWh per tutti i consumi.

A tutti i costi, residente o non residente, si applica l’iva del 10%.



    Google E-mail this story to a friend! Print this article! TwitThis Facebook

95 commenti su “Residente o non residente? Le tasse dell’energia elettrica”

  1. Se capisco bene la D3 e’ applicata sia ai residenti con potenza > 3kwh sia ai non residenti (quale che sia la potenza impegnata). Poi la differenza sta nel fatto che i non residenti pagano in tasse 2,51 cent per kwh consumato al posto di 2,329 cent dei residenti? Grazie, ales

  2. Sembra di no…io ho in affitto una casa e lasciato l’intestazione a me e nessuno mi ha chiesto niente

  3. esatto, per il gas non esiste distinzione tra residente e non residente.

  4. Signori, sapete qual’e’ il vero significato della sigla ENEL…… Be’ , ve lo dico io. ( Ente nazionale esperti ladri ).

  5. scusatemi…
    volevo sapere se è possibile avere 2 utenze per USO DOMESTICO RESIDENTE sotto stessa intestazione: una con EDISON e una con ENI. Le 2 utenze non si trovano vicine, sono lontanucce l’una dall’altra ma intestate alla stessa persona…

  6. Desidererei sapere se, come per l’energia elettrica (ENEL), anche per i consumi di Acqua e Gas vi è una differente tassazione tra essere residenti e non residenti nella casa dove il servizio è erogato.Grazie.

  7. Io sono dominciliato ma non residente, non è possibile passare alla tariffa D2?

  8. Buongiorno, in questi giorni gira su facebook la notizia che nella maggior parte delle bollette viene applicata la tariffa per i non residenti, e di conseguenza una spesa maggiore.
    Ho controllato la mia bolletta ed effettivamente compare la dicitura “uso domestico non residente con tariffa D3 bioraria trasnsitoria”. Io sono residente e propietario di una sola casa.Volevo informazioni su come comportarmi per avere eventuali rimborsi.

    Grazie

  9. Stefano,
    paga la bolletta, telefona al call center, chiedi il perchè di questo cambiamento fatto d’ufficio, chiedi l’annullamento della fattura ed il rimborso della medesima, chiedi l’emissione di una nuova fattura corretta e manda una mail di reclamo all’AEEG, trovi l’indirizzo

    http://www.autorita.energia.it/it/contatti/contatti.htm

    Le varie società di distribuzione non aspettano altro che non si paghi la bolletta; in tal caso, passeremo noi dalla parte del torto; pagate sempre, ma continuate a rompere con le telefonate; appena risolta la questione, molla il mercato libero; devono sparire questi approfittatori.

  10. Tronchetti provera e compagnia briscola i va a troie … E noialtri paghiamo … Lazzaroni …

  11. Scusa te avevo un dubbio. La voce “residente” si riferisce alla residenza nell’abitazione o alla residenza nel comune? grazie in anticipo
    peppe

  12. Sottoscrivo la domanda di peppa, se uno è residente in un comune paga la bolletta per residenti per qualunque cosa abbia in quel comune o solo per uno specifico indirizzo?

  13. ma quale comune , cxhe domande infantili……

  14. scusate io dal 2000 mi praticano una tariffa non residente -posso richiedere un rimborso per tutti questi anni di truffa ? grazie per eventuali dritte

  15. Come Francesco, dal 2004 pago la tariffa da non residente all’acea per l’energia elettrica e nonostante i fax con certificato storico di residenza e le numerose telefonate, non riesco a farmi fare la variazione figuriamoci il conguaglio con la restituzione di quanto mi hanno fatto pagare in piú in tutti questi anni. Sembra il classico muro di gomma

  16. @ peppa e Giovanni, si rifersice alla residenza nel comune che dovrebbe coincidere con la residenza nell’abitazione. La non residenza si riferisce normalmente ad una seconda casa.
    @ francesco e alessandra, insistere presso il proprio fornitore di mettere le cose in regola. Inogni caso leggere anche qui http://www.qualetariffa.it/procedura-di-reclamo-allo-sportello-del-consumatore/

  17. Anche io scrivo perchè ho una casa in affitto a studenti con un contratto enel a mio nome. Risiedo in un’altra casa nello stesso comune della mia casa in affitto e enel mi addebita la tariffa D3 non residenti. Se basta esser residente nel comune dell’immobile come mai enel scrive nel suo sito che per avere la variazione da non residente a residente serve un’autocertificazione di residenza anagrafica nella quale il cliente attesti che la sua residenza è presso l’abitazione per la quale si chiede la nuova tariffa?

    Segnalo che ovviamente la casa in cui abito è intestata a mia moglie cosi come il contratto enel….

    grazie in anticipo della risposta..

  18. Scusatemi, non capisco quale sia il risparmio effettivo passando da non residente a residente (io di solito pago circa 70€ a bimestre). Vorrei fare la voltura e intestare il contratto al mio compagno, che è residente, ma spendere 80€ di voltura per un risparmio di 3 euro a bimestre mi pare quasi inutile..
    Grazie a chi mi risponde!
    Chiara :)

  19. @ Renato, dove risulti residente? quale indirizzo hai comunicato al tuo comune? quello della casa intestata a tua moglie o quello degli studenti? Se risulti residente nella casa di tua moglie, la casa degli studenti è seconda casa perciò paghi o meglio gli studenti pagano la tariffa D3. Potresti intestare il contratto della luce ad uno degli studenti, se residenti nel comune e nella tua casa.
    @ Chiara, con la tariffa D3 non-residente paghi più tasse a parità di consumi. Devi fare un calcolo a lungo termine.
    Approssimativamente quanto consumi? 1500kwh/anno?

  20. Grazie Francesca, sì viaggio su quei consumi lì..
    Che consigli?

  21. Grazie Francesca della esaustiva risposta… la mia residenza è nella casa di mia moglie, speravo che bastasse esser residente nel comune e che contasse la proprietà della casa.
    Ciao

  22. @ Chiara, con la tariffa non residente paghi intorno ai 413€/anno, mentre con la tariffa residente pagheresti quasi la metà cioè intorno ai 250 €/anno tasse ed iva inclusa, perciò circa 42 €/mese. La differenza sta nella quota fissa, nella quota potenza, più care nella tariffa non-residente, e nelle accise. Quest’ultime non si pagano con la tariffa residente con un consumo inferiore a 1800kWh/anno. A lungo termine vi conviene perciò passare alla tariffa residente. Saluti!

  23. salve. volevo chiedere un consiglio.io e il mio compagno abitiamo in una casa composta da due appartamenti,uno sopra e uno sottoquindi aventi lo stesso indirizzo.uno è mio l’altro suo.il suo però è ancora a rustico.è possibile fare l’allaccio di due contatori,entrambi con tariffa residente, anche se lui al momento vive sopra da me? grazie

  24. vorrei aggiungere che ovviamente ci sono la cantina,i box e le luci esterne che dovrebbero essere ripartite tra di noi e invece al momento tutto è collegato al mio contatore e mi arrivano bollette da capogiro…..

  25. Salve volevo chiedervi un consiglio io ho 2 utenze con enel energia e mi sono accorto che in tutte due viene appricata la tariffa residente,volevo mettermi in regola quandi anni mi faranno pagare di arretrati, nell’appartamento che non sono residente..i consumi praticamente sono pochissimi visto che l’appartamento e vuoto…grazie

  26. Buongiorno, una domanda: e’ sei anni che sono divenuto residente nell’abitazione in cui il contratto enel era intestato a mia suocera, quindi ho pagato sempre tariffa d3. Ho comunicato pocchi giorni fa ad enel il cambio d’intestazione. Ho diritto a qualche rimborso? grazie.

  27. @ susy, dovresti informarti all’ufficio catasto per capire se gli appartamenti risultano divisi. ma sembra di sì visto che i proprietari sono diveri.
    @ Alberto, a rigor di logica Enel dovrebbe farti pagare retroattivamente i costi non pagati. Ma come fai ad essere residente contemporaneamente in entrambi gli appartamenti?
    @ Gianni, ma tua suocera era residente nello stesso appartemento? Se sì, vedi risposta data ad Alberto, ma al contrario. Hai diritto ad un rimborso. Saluti!

  28. Salve,

    ho appena acquistato una prima casa e ho ricevuto il contratto Acea energia da rigirare firmato, ma ancora non ho fatto il cambio di residenza. Per avere la tariffazione D2 (per residenti), basta che risulti prima casa o devo aspettare il cambio di residenza?

    Grazie,

    Alessandro

  29. Ho casa fuori regione dove ho acquistato casa, il cambio di residenza ancora non è stato completato. Nel frattempo sto pagando la luce da non residente (quindi più costosa), a pratica definita potrò richiedere la regolarizzazione del consumo effetuato in questo arco di tempo? Se si in che modo verrà corrisposto quanto in più dovuto? Grazie.

  30. Gradirei sapere o dove trovare l’importo della quota fissa per una fornitura di energia elettrica per uso abitazione non residente e a quanto ammonta il costo di un kwh. Grazie

  31. ciao Teresa, ti consiglio di vistare il sito della Autorità per l’energia e il gas.

  32. buongiorno a tutti!!! io sono residente in un appartamento in affitto da oltre 10 anni e solo di recente mi sono accorto che mi hanno sempre fatto pagare la tariffa ”D3 per NON residenti” ora come mi devo comportare??? cosa devo fare per passare alla tariffa per residenti? consumo intorno ai 4100 Kw/anno e ogni volta mi arrivano bollette sui 200 euro……AIUTATEMI!!!!!!!!!

  33. Buongiorno,
    Io e due miei amici abbiamo affittato un appartamento, e l’utenza dell’ ENEL è stata intestata ad uno di noi. Nessuno di noi 3 ha la residenza in questo appartamento, ma ci viviamo stabilmente tutto l’anno.
    Ci è arrivato oggi il contratto dell’ ENEL da firmare e rispedire. La tariffa del contratto è D2 uso domestico residenti e tra i documenti da firmare c’è anche l’autocertificazione di residenza nell’immobile per cui è stata richiesta la fornitura di energia elettrica.
    Il dubbio è che il contratto sia errato. Cioè non possiamo firmare un contratto simile in quanto non residenti.
    Inoltre nella lettera inviataci c’è scritto che se entro 20 giorni non inviamo tutta la documentazione, la fornitura di energia verrà interrotta e dovremmo comunque pagare eventuali spese o ulteriori importi che a loro risulteranno dovuti. Intanto ci è arrivata la prima bolletta con i costi di allacciamento che ha scadenza 24/08/12.
    Come ci suggerisce di procedere?

  34. Cristina,
    telefona al nunero verde, spiega la situazione e ti daranno la soluzione del problema.
    E’ meglio pagare qualcosa in più e star tranquilli che firmare autocertificazioni false.

  35. salve, gentilmente mi potete aiutare.? allora ho contratto con enel mercato libero, residente usi diversi..(dato che casa al catasto risulta magazzino agricolo) ma abbiamo residenza in questa casa(con tanto di documentazione dal comune, pago pure la spazzatura) ho parlato con quelli di enel dicendo che forse passero al eni, perchè loro non importa che tipo di casa ho…e la signorina mi ha consigliato di informarmi se sicuro è cosi per non finire a beccarmi qualche multa, allora è vera questa cosa???posso passare ad eni???? senza problemi? e sapete se altri operatori hanno la stessa proposta , che non importa come è catastata la casa?? perchè vorrei avere varie alternative non solo eni, grazie.

  36. altra domandina : è legale che eni non fa auto letture??? ma solo conguagli??

  37. ANIA,

    hai risparmiato molto con il mercato libero?
    il loro sporco gioco è quello di fatturare un consuno presunto, a nulla serve inviare le letture.
    Quando poi faranno la lettura reale e manderanno il conguaglio, allora sono sorprese amare, tu rifanno tutto il conteggio con logicamente l’ultimo prezzo vigente.
    torna al mercato vincolato di ENEL SERVIZIO ELETTRICO, chiama il numero verde, sono veloci, gentili e premurosi.
    ma fallo subito lunedì, dicendo che ora hai uso non domestico, mentre è casa di residenza.
    ciao

  38. buon giorno
    da un paio di mesi ho trasferito la residenza dalla casa precedente ad una nuova acquistata a nome di mia madre.Non ho comunicato la variazione al precedente fornitore di luce (che è diverso dal nuovo): entro quando dovrei farlo? cosa rischio se non lo faccio e continuo a pagare la luce a mio nome come residente in entrambi gli appartamenti?
    Grazie

  39. buon giorno
    ho pagato dal 2007 le bolete come non rezidente anche se sono rezidente,finalmente ho risolto e la boleta ariva come rezidente,la mia domanda e:ce la posibilita di rimborso da parte di ACEA ENERGIA de la diferenza pagata per tutti quesi ani
    GRAZIE!!

  40. salve, mia mamma è venuta a vivere con me, ed ha quindi tolto la residenza da casa sua, ma non lo ha comunicato all’enel. Che cosa rischia se non comunica il cambio di residenza? grazie

  41. Luciano,
    non so se esistono sanzioni, ma dal consumo ENEL dedurrà che non è più residente, quindi farà pagare la tariffa non residente con recupero di quanto non pagato.
    comunque ti conviene informarti al numero verde

  42. Salve, anch’io come altri ho tariffa da non residente e stò cambiando da residente, ora è possibile richiedere il rimborso delle vecchie bollette? se si, di cosa c’è bisogno?
    grazie
    Ale.

  43. Salve, ho comprato da poco un box auto che dista a pochi metri dall’abitazione in cui risiedo (il box è situato in un altro palazzo di nuova costruzione,accanto a quello dove abito), vorrei sapere perchè nelle bollette dell’enel mi fanno pagare come “uso diverso dall’abitazione”? Consumo 1Kw ogni 2 mesi ( 4Kw annui) e mi fanno pagare 56 euro di bolletta a bimestre.Posso passare da “uso diverso dall’abitazione” a “residente oppure non residente”?

  44. Salve.
    Vivo nello stesso palazzo dove ho la residenza, ma in un appartamento differente.
    Il contratto dell’Acea non è intestato a me e ho tariffa D3 (uso domestico non residenti, meglio noto come seconda casa) perchè il proprietario dell’appartamento dove vivo ha un altro contratto acea per un secondo appartamento (nello stesso edificio).
    Ora mi domando se esiste un modo per ottenere la tariffa D2, eventualmente intestando a me il contratto.
    Grazie.

  45. ciao a tutti,
    ho una domanda. pago una bolletta per la luce come non residente D3. per poter passare alla D2 è obbbligatorio la residenza o posso dimostrare il domicilio da 2 anni?

    in alternativa per nn prendere la residenza posso il proprietario puo utilizzare il comodato d’uso?
    grazie per la risposta
    ciao

  46. Buongiorno,
    ho un contratto prima casa per la fornitura dell’energia elettrica nel mio comune di residenza, spesso però, per lavoro, abito in un altra casa che non è di mia proprietà, devo per forza stipulare un contratto seconda casa con i relativi oneri?
    Grazie

  47. Salve, innanzitutto grazie per aver messo a disposizione dei consumatori un luogo dove potersi informare e consigliare.

    Io ho con ACEA un contratto Domestico D3 da 4,5KW (Servizio maggior tutela), dopo molti anni ho scoperto di avere il contratto da NON RESIDENTE. Prima di iniziare quella che mi sembra di capire sarà una battaglia per diventare RESIDENTE vorrei sapere se è comunque conveniente o se in certi casi di grande consumo come il mio (tra i 4500 e i 5000 KWh all’anno) potrebbe invece rivelarsi più costoso. Domande:

    1) Conviene in ogni caso passare a residente?

    2) Immagino che di rimborso non se ne parli giusto? Mi accontenterei in effetti della semplice voltura, ma esiste da qualche parte un modulo per la domanda di voltura? Sul sito dell’ACEA ovviamente non ho trovato info utili…

    3) Conviene passare al mercato libero? ho letto molti commenti negativi in giro ma vorrei un parere esperto..

    grazie ancora per l’aiuto,
    Patrizio

  48. ciao, una domanda ho cambiato casa da qualche mese praticamente 100 metri l’una dall’altra di conseguenza stessa citta’ di residenza ma soltanto l’indirizzo diverso, è corretto che l’enel mi ha inviato il contratto come non residenti??? posso lamentarmi e chiedere il rimborso per le vecchi bollette, grazie Luana

  49. Luana, devi chiudere il contratto vecchio altrimenti è giusto il nuovo contratto ome non residente.
    Se l’avessi chiuso, telefona al numero verde per la nuova residenza e chiedi il rimborso

  50. E’ possibile richiedere il rimborso da tariffa non residente a residente, anche se non si è più clienti di enel energia mercato libero? Grazie a chi mi risponde.

  51. ciao essendo che mia mamma e’ residente nella sua abitazione di proprieta’ dall’anno 2007 e finora ha sempre pagato come non residente ora che lo scoperto ho inviato il rimborso di questi 6 anni e il cambio da non residente a residente quanto tempo deve aspettare per avere il rimborso?

  52. Gentilissimo Gino,

    Io ho con ACEA un contratto Domestico D3 da 4,5KW (Servizio maggior tutela), dopo molti anni ho scoperto di avere il contratto da NON RESIDENTE. Prima di iniziare quella che mi sembra di capire sarà una battaglia per diventare RESIDENTE vorrei sapere se è comunque conveniente o se in certi casi di grande consumo come il mio (tra i 4500 e i 5000 KWh all’anno) potrebbe invece rivelarsi più costoso. Conviene in ogni caso passare a residente secondo lei? La rinrazio per il prezioso aiuto…

  53. Patrizio,
    le tariffe di NON RESIDENTE sono più alte rispetto a quelle di RESIDENTE, quindi penso convenga fare il cambiamento:

  54. ciao,sono residente da piu di 4 anni,ma appena adesso ho scoperto che pagavo come non residente ho chiamato oggi numero verde,hanno detto che mi mandano via posta da compilare un nuovo..no lo so come si chiama…cosa devo fare dopo?avro qualche rimborso?grazie

  55. Salve,
    ho affittato un appartamento che per gli inquilini è prima casa (con consumo <3KW).
    Per loro è residenziale?
    Grazie

  56. buongiorno, desidererei per favore un chiarimento, perché a forza di contattare call-center, ne sto uscendo pazza. abbiamo una cantina nello stesso comune dove risiediamo, e enel ci ha “giustamente” rifilato un contratto luce non residenziale: 50 euro fissi a bolletta + pochi euro di luce consumata. (pochissimi kw, noi lì non andiamo mai!!!!!). chiamo il call center Edison e mi dicono che enel sono ladri, loro non hanno assolutamente costi fissi. bene, passo con loro per la luce, la prima bolletta mi arrivano 70 euro. chiamo il call center e mi dicono che mi hanno fregata, perché Edison ha tariffe molto + alte per i contratti non residenti. oggi chiamo Eni, per sentire le loro tariffe, e casualmente nemmeno loro hanno costi fissi. dopo 4 telefonate, una operatrice mi dice che loro hanno una quota fissa di 14.50 euro a mese. mi aiutate a capire qualcosa? c’è un operatore un po’ + economico per uso NON domestico?!? le quote fisse sono applicate da tutti i gestori?!?!sono delusa dall’incompetenza dei call center e dalle compagnie in generale!!! grazie. sarah

  57. ciao a tt qualcuno sa rispondermi alla domanda…io abito in una casa in affitto e sono residente,posso fare intestare una voltura ad altra persona per luce e gas nn residente dell appartamento ma intestatario del contratto di casa??

  58. telefona al numero verde della attuale società per informarti sui documenti necessari alla voltura.
    chi, meglio di loro, può saperlo?
    ogni società ha disposizioni diverse.
    Bello vero il mercato libero?
    libero di fare ciò che vuole

  59. buongiorno, vorrei chiedere una cosa, siamo due sorelle, la maggiore, ha intestato il contratto,con edison, tutto bene,adesso lei si e trasferita in città, portandoci la residenza, io cosa faccio,cambiare il nome sul contratto, mi costa 85 euro, perché devo pagare, visto che in pratica non cambia niente, e pagare come non residente, mi girano le scatole, qualcuno mi può dare una mano grazie.

  60. la situazione è chiara, ma la soluzione migliore difficile da trovare.
    tua sorella, da residente, può chiedere il passaggio ad ENEL SERVIZIO ELETTRICO, che avverrà in 2-3 mesi, pagando il bollo sul contratto di circa € 15.
    poi tu, da residente, richiedi il cambiamento di intestazione a tuo nome, ma non so quanto costa: di sicuro dovrai pagare il bollo.
    io ti consiglio di andare nel punto ENEL più vicino e chiedere informazioni:
    Attenzione che probabilmente cercheranno di farti passare con ENEL ENERGIA; non accettare, insisti per ENEL SERVIZIO ELETTRICO

  61. Ho scoperto oggi che mi hanno cambiato la tariffa da residente a non residente in maniera arbitraria e senza autorizzazione, ho chiamato e mi sono sentito rispondere che devo essere io a comunicare la residenza.Rimandero’ indietro il modulo da firmare e dopo quanto ho letto dato che non risolvero’ nulla passero’ ad altro gestore salutando con dispiacere la vecchia cara Enel.

  62. buongiorno,mi chiamo sara e scrivo da ivrea (to).
    possediamo una casa sita in una zona del paese, ed una cantina a circa 2 km dalla nostra casa. le bollette di casa, con contatore 4.5 kw, si aggirano intorno alle 75 euro bimestrali, mentre quelle della cantina, con contatore 3kw e consumi bimestrale di di 15 kw, si aggirano intorno alle 70!!! ma come è possibile?!?! con Enel andavamo a pagare 10 euro di meno, circa 60 euro, il tutto perché, al call center, ci avevano detto che per i contratti NON RESIDENZIALI, si applica una tariffa fissa di 50 euro, più il costo della componente elettrica. ho chiamato EDISON, perché qu a casa ci siamo sempre trovati benissimo, e loro molto cortesemente mi hanno detto che da loro non c’era questa tariffa fissa di 50 euro. invece mi hanno fregato, perché a quanto pare vengo a pagare 10 euro in più a bimestre, quindi..
    solo vorrei sapere… i nostri vicini di cantina, con vecchi contratti enel (fatti circa 20anni fa) pagano 18-20 euro. perché noi paghiamo quasi più di un’abitazione, quando consumiamo SOLO 15 kw a bimestre?!?! vorremmo solo capire se tutto questo è legale!!!
    grazie di cuore
    sara

  63. Residenza di 2 unita bifamiliari. Tutti residenti. Per le parti comuni (luce vialetto e gas per riscaldamento) viene applicata tariffa ‘altri usi” per il gas e ‘non residenti’ per la luce. Levico terme provincia di trento. È corretto?

  64. Mario, purtroppo è così, ci sono 2 tariffazioni diverse, naturalmente devi avere due contatori diversi

  65. Buongiorno,
    chiedo aiuto per un problema che da mesi cerco di risolvere.
    Sono un cliente Edison D3 residente (ho una potenza di 6 Kw) ma nonostante le numerose richieste l’operatore si rifiuta di attribuirmi le agevolazioni per i residenti sostenendo che solo i D2 ne hanno diritto per cui io pago l’iva al 22% e non godo di nessun’ altra agevolazione.
    Edison mi dice che se voglio le agevolazioni devo passare da D3 a D2 abbassando la potenza a 3 Kw.
    Vi prego di aiutarmi: mi servirebbe il decreto legge da cui si evince che anche i D3 sono agevolati e hanno le imposte ridotte (l’ho cercato come un matto su internet ma senza successo). Avendo questo documento posso rispondere adeguatamente in fase di contestazione.

    Grazie di tutto.

    Cordiali saluti.

    Giancarlo

  66. Ho anche parlato con l’autority la loro pur dandomi ragione verbalmente non mi hanno saputo fornire nessun decreto legge o altro riferimento per supportare questa tesi anche perché si occupano di tariffe e non di imposte fiscali (così hanno detto) quindi non so come far valere questa cosa.
    Ancora grazie.
    Giancarlo

  67. salve.oggi mentre leggevo la bolletta ho fatto caso ha questa scritta:tipologia di contratto:utenza domestica non residente,ho scoperto che avendo questa tipologia di contratto sto pagando il 30% in più,cercando sempre sul web ho letto che ho la facoltà di farmi riborsare i soldi,è vero?
    prima stavo con enel,ora invece sto con enel energia,(da meno di 10 anni,posso fare reclamo per farmi riborsare i soldi?

  68. Giancarlo, se può esserti utile clicca

    http://www.enel.it/it-IT/clienti/enel_servizio_elettrico/imposte_info/

    http://www.autorita.energia.it/it/consumatori/bollettatrasp_ele.htm

    http://www.a2aenergia.eu/area_clienti/tariffe/clienti_domestici/imposte_energia_elettrica.html

    oppure cerca, con motore di ricerca ; iva elettricità

  69. Buongiorno, sono un lavoratore che vive in affitto in una casa per cui pago in bolletta Enel libero mercato un costo fisso di 14,50 € più iva al mese. Non sono proprietario di nessuna casa di proprietà. La mia residenza anagrafica si trova in un altro comune, quello di famiglia. Per motivi di lavoro mi trovo in affitto in un’altro comune. Ci vivo tutto l’anno. Mi domando se è giusto considerarmi non residente presso il comune in cui lavoro? Posso chiedere ad Enel di passare da non residenti a residenti?

  70. Buongiorno, ho pagato per tre anni (dal 3/2011 al 2/2014) una fornitura di energia elettrica con tariffa non residente D-3 mentre ero residente. Il mio consumo annuo è stato di circa 2100kw da suddividersi equamente in 700kwh per le tre fasce f1/f2/f3 , con potenza impegnata di 3,0Kw. Sono in conciliazione sulla questione. Che cifra all’incirca mi si dovrebbe restituire? Grazie mille per la risposta.

  71. Buona sera io vorrei fare notare che magari essendo nel 2014 e vedo commenti del 2011 forse e dico forse le cose sono cambiate . ho portato la residenza nell’appartamento dove gia da quattro anni ho il domicilio e la bolletta e’ piu bassa di 30 o 40 euro. mi sono informata e cambiando in residenza si ha le tasse abbassate . quindi a mio avviso ora si risparmia.
    Giusto quello che ho riferito ?
    Grazie . ciao .

  72. Scusate volevo specificare che parlavo della bolletta del GAS.
    Ciao .

  73. Salve:devo stipulare un contratto con enel energia elettrica solo per i lavori di ristrutturazione casa.stipulando come residente con tariffa d2 (trasferendovi la residenza),una volta cessati lavori e consumi perché materialmente non abiterá nessuno,enel potrebbe poi obbligarmi alla tariffa maggiorata per non residenti? In pratica a me per il momento mi occorre l energia solo x i lavori,non vorrei fare la trafila x il cambio residenza e poi vedere applicata da enel in seguito ai non consumi, la tariffa non residente.cosa consigliate?

  74. Nella mia residenza ho due utenze da 6 kw da oltre 10 anni,in quanto ho tutti gli accessori elettrici e ospito i miei figli sposati e per renderli autonomi ho realizzato accessori elettrici solo per le loro esigenze:scaldabagni,forno,lavatrice e ovviamente ferri da stiro. Ho chiesto,da quando ho notificato all’ENEL che ero residente di avere i due contratti come residente.Ma,mi è stato risposto,dopo avermi concesso come residente il contratto richiesto,che l’altro contratto già come residente poteva essere modificato in non residente.Quindi mi trovo nelle mia residenza un contratto ENEL RESIDENTE e un cintratto Enel NON RESIDENTE.E’possibile e accettare tale modifica?

  75. Salve… tra poco andrò a vivere in una nuova casa in cui al momento non è presente corrente elettrica (il vecchio proprietario ha chiuso il suo contratto) vorrei sapere 2 cose:

    1) a chi devo chiedere la riattivazione della corrente elettrica? alla vecchia compagnia (eni) facendo il subentro? oppure posso direttamente chiamare un’altra compagnia e fanno tutto loro?

    2) posso chiedere il contratto come residente anche se ancora non ho avviato la pratica al comune? (questione di pochi giorni) oppure è meglio prima spostare la residenza e poi fare il contratto luce???

    grazie a chi risponderà

  76. CARLO,
    ti conviene intestare una delle due utenze ad uno dei tuoi figli; non penso si possano intestare due utenze come residente .

  77. Marianna,
    avvia subito la pratica per la residenza.
    Penso che tu debba chiedere il subentro alla vecchia compagnia.
    Puoi informarti al numero verde di ENEL.
    Ti diranno come fare.
    conviene avere la residenza prima di chiedere un contratto di qualsiasi utenza.

  78. Salve , ho una casa affittata a studenti che sono in procinto di vendere .Mi sono accorto che nelle bolletta intestata a mia figlia risulta la tariffa residente , ma mia figlia da qualche hanno l’ha trasferita e adesso che occorre fare la voltura al compratore che succede ?

  79. gingo,
    il compratore deve chiedere la voltura a suo nome,
    comunque è meglio che chiami il call center per avere notizie precise.
    C’è l’inconveniente della residenza.

  80. Ho la residenza in una casa dove ho le utenze intestate,se cambiò domicilio in un altra città, mi vengono aumentate o pago lo stesso come prima casa?? Grazie a chi mi risponderà

  81. Buonasera, sono in affitto in una città diversa dalla mia residenza anagrafica, ho dovuto intestare l’utenza a mio nome e mi hanno attribuito la tariffa non residente con un aggravio in termini di imposte erariali di oltre 150 euro l’anno, praticamente più di un bimestre di elettricità regalato a babbo natale.Credo sia ingiusto soprattutto per chi non è neppure proprietario di immobili pagare imposte più elavate. Secondo me ci sono gli estremi per un ricorso alla Corte Costituzionale per lesione del principio di uguaglianza tra i cittadini.

  82. buongiorno,
    per nuova costruzione ho installato impianto fotovoltaico da 3kw (previsto scambio sul posto)e sistema di riscaldamento e refrigerazione tramite pompa di calore per la quale è richiesto contatore trifase di min 6kw di potenza, potreste consigliarmi sulla base dei costi fissi in bolletta se installare due contatori (uno trifase dedicato alla pompa di calore, magari usufruendo delle tariffe incentivate, e uno monofase da 4,5kw dove allacciare anche il fotovoltaico)o un solo contatore trifase da 10kw di potenza. preciso che l’utenza sarà richiesta come residente.
    Cordiali saluti.
    Luigi

  83. salve a tutti,
    nel febbraio 2013 ho fatto un contratto con enel come prima attivazione su una nuova residenza..bene da febbraio a oggi tutto regolare con le tariffe, mentre l’ultimo bimestre aprile/maggio mi arrivano 270 euro da pagare in quanto non gli e’ mai pervenuta la mia residenza( mah..), chiamo il call-center e mi dicono di compilare il modulo che mi spediranno x la residenza( potevano anche mandarlo subito) e che mi rimborseranno la sommo entro 90 giorni…c’e’ da credergli?? sarei intenzionato a non pagare sinceramente..boo

  84. o rihiesto a enel un trasferimento di energia eletrica risultato enel chiude la vecchia fornitura e mi rifa’ un nuovo contratto per nuova fornitura ,poi mi manda un conguagli per la vecchia fornitura come non residente,io a suo tempo avevo mandato l’autocertificazione come enel richiede alla stipula del contratto.come mi devo conportare
    e cautelarmi devo pagare o no.

  85. Nel 2004 ho stipulato il contratto per la fornitura di energia elettrica relativo all’abitazione in cui ero residente (prima casa), con la società “ACEA ELECTRABEL”. Soltanto adesso mi accorgo che mi è stata sempre applicata la tariffa “non residente”. Come posso fare per richiedere il rimborso di quanto indebitamente versato? Grazie.

  86. allora per essere chiari, tra residente e non residente il costo al kwh non e’ molto
    quello che varia sono i costi fissi, in tariffa d2 residente fino a 3 kw potenza i costi fissi sono pari a circa 49 euro all’anno
    in tariffa d3 non residente con potenza fino a 3 kw i costi fissi annui sono pari circa 91 euro
    in tariffa d3 residente con potenza fino a 4.5 kw i costi fissi annui
    sono pari a circa 114 euro
    questi con i dati relativi alle tariffe al 01/04/2014
    per fare un cambio di tariffa basta fare un’atto notorio o un’autodichiarazione dalla quale risulti che si e’ residente dalla tal data
    non so’ per quanti anni si puo’ andare indietro, so’ solo che agli amici miei che hanno fatto questa pratica sono arrivati dei bei soldini 300/400 euro

  87. per lollo….ma per imposte erariali intendi l’iva, le acciuse o tutte e due? sicuro che non ti abbiano addebitati i costi delle marche per il nuovo contratto e il deposito cauzionale? perche’ 150 euro sono tantini solo di imposte

  88. Salve, il dilemma, col compagno prendiamo appartamento in affitto,contratto intestato a me.è possibile intestare le utenze a lui con tariffa residenti?(io arrivo da altro comune, lui dallo stesso,cambierebbe eventualmente indirizzo di residenza),spero essermi spiegata… grazie per l’aiuto

  89. Salve, mi trasferisco per lavoro in altra città e mi intesterò un contratto Enel come residente. Però in casa ci starò pochissimo, lavoro tutto il giorno esco alle 7 del mattino e rientro alle 21 di sera. Di conseguenza anche i consumi di corrente saranno bassi. Enel potrebbe contestarmi e dubitare che sono effettivamente residente?? Grazie

  90. Spesso la distinzione tra residente e non-residente è utilizzata, dagli enti che decidono le tariffe, per fare cassa, tanto i non-residenti non hanno diritto di parola (non votano per le amministrazioni locali che decidono, via enti di loro nomina, le tariffe).
    Il nostro blog si propone di organizzare tutti i proprietari di seconde case per studiare la situazione e per prendere le necessarie iniziative per porre fine a questa ingiustizia:
    http://novotonotax.blogspot.com
    mail: novotonotax@gmail.com

  91. Buongiorno,
    siccome l’articolo è piuttosto vecchio e i commenti anche, vorrei sapere se tutt’ora per quanto riguarda l’utenza del gas c’è differenza tra residenti e non residenti.
    Grazie.

  92. x maurizio
    per quanto riguarda il gas non c’e’ alcuna differenza tra residente e non residente

  93. buongiorno,
    ho un contratto con greennetwork luce e vorrei sapere se è corretta la dicitura “utenza domestica non residente” anche se sono residente nel caso in cui abbia 6 kw di potenza. al loro call center mi hanno detto che la dicitura è indifferente quando si hanno 6 kw. Con acea avevo la dicitura “utenza domestica residente” anche con 6 kw.
    grazie mille per la risposta

  94. Buongiorno,
    più che un commento si tratta una richiesta di consulenza.
    Avendo ereditato da pochi mesi una proprietà rurale, nella quale esistono due contratti da 6kw trifase per alimentare pompe per prelevare acqua da pozzi, vorrei sapere se conviene restare con Enel Servizio elettrico oppure se esistono distributori più convenienti (anche semplicemente come quota fissa, poiché una di queste pompe al momento non è in uso). Grazie

  95. salve.ho un contratto con Edison luce.dal 1/1/2013.dopo 4 bollette mi risulta ancora nn residente in d-3..mandato fax che accertava la residenza e la carta d”identita”..ad oggi mi risulta ancora nn residente.chiamato più volte i call center(INADEGUATI GLI OPERATORI)si rimbalzano con prtatica aperta.in teoria sto pagando quasi il doppio delle mie bollette..cosa devo fare nn so più che fare..e poi quando e se mi restituiscono soldi ho fanno una stornatura…p.s.e il paese delle truffe e dei ladri..nn ce un servizio adeguato che aiuta i consumatori..

Lascia un commento