Attivati subito
Il blog che confronta le offerte di energia elettrica e gas

Il mercato libero dell’energia elettrica e il gas per la casa

In Italia il 17% dei consumatori residenziali ha scelto il fornitore di energia elettrica e gas per la propria casa approfittando della liberalizzazione del mercato dell’energia e il gas. Il mercato dell’energia elettrica è stato aperto alla libera concorrenza il 1° luglio 2007: in questi ultimi quattro anni ben il 16,6% dei consumatori, su un totale di 30 milioni, è passato dal mercato tutelato al mercato libero, ma solo il 6,2% di questi ha scelto un’azienda diversa da quella cui era collegato nell’ambito del mercato tutelato: tipico esempio riguarda quei consumatori passati da Enel Servizio Elettrico a Enel Energia.

Per quanto riguarda il gas continua »

Il mercato libero festeggia il suo terzo compleanno

compleanno mercato liberoBuon compleanno mercato libero!
Il mercato libero dell’energia elettrica oggi compie 3 anni. Il 1° luglio 2007, sulla scia del resto d’Europa, anche in Italia è scattata la completa liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica, in attuazione della direttiva UE 54 del 2003. Grazie a questa direttiva tutti i clienti domestici hanno la possibilità di cambiare contratto di energia elettrica per poter risparmiare, nel migliore dei casi, fino a 100€ all’anno. continua »

Si può ritornare al mercato vincolato?

Offerte dual fuelNel caso la vostra esperienza con il nuovo fornitore di energia elettrica o del gas non sia soddisfacente, anzi vi procuri solo più problemi di prima, ricordate che avete la possibilità di ritornare sui propri passi e di ritornare perciò al vostro vecchio fornitore del mercato vincolato (ormai chiamato mercato tutelato). In qualsiasi momento si può recedere dal contratto e tornare al vecchio fornitore, basta dare un mese di preavviso al proprio fornitore. E anche in caso di recesso anticipato, il fornitore non prevede alcuna penale a vostro carico. continua »

Prima di sottoscrivere un contratto nel mercato libero ricordarsi di…

In molti di voi si chiedono se firmare o meno un contratto nel mercato libero e a quali dettagli bisogna rivolgere la propria attenzione.

Grazie ai consigli dell’associazione Federconsumatori, QualeTariffa stila la lista delle cose da tenere sempre a mente prima di sottoscrivere un contratto della luce o del gas:

1. farsi ripetere il nome della società e richiedere un recapito telefonico in caso di ripensamento o eventuali chiarimenti (sarebbe bene anche informarsi sulla serietà dell’azienda e visitare il suo sito internet)

2. farsi spiegare il prezzo e lo sconto proposto dall’offerta e le sue possibili variazioni nel tempo (cosa succede una volta decorsi i 12 o i 24 mesi garantiti dall’offerta?)

3. controllare la presenza o meno di eventuali spese accessorie continua »

Spese accessorie nel mercato libero

Il passaggio dal fornitore del mercato tutelato (o regolato) al fornitore del mercato libero è completamente gratuito ed è addirittura prevista la restituzione del deposito cauzionale pagato al vecchio distributore-fornitore. È completamente gratuito a parte un’imposta di bollo pari a 14,62 € da pagare sul nuovo contratto. Con il passaggio nel mercato libero però alcuni fornitori del mercato libero prevedono anche il pagamento di spese accessorie da pagare una tantum, che si riferiscono a tutte le eventuali richieste che il nuovo fornitore inoltrerà per conto del cliente al distributore (per esempio variazioni di potenza, disattivazione della fornitura). continua »

Risultati sondaggio: il passaggio dal vecchio al nuovo fornitore di energia elettrica/gas

Si chiude quest’oggi il sondaggio aperto il 14 ottobre 2009 dedicato al passaggio dal mercato regolato a quello libero, intitolato: “Com’è avvenuto il passaggio dal vecchio al nuovo fornitore di energia elettrica o/e gas?”. Di 261 partecipanti, 93 hanno dichiarato di aver sottoscritto il contratto di energia elettrica/gas online. ¼ dei partecipanti dichiara di non aver sottoscritto nessun contratto nel mercato libero. Un sorprendente 16% dei partecipanti ha sottoscritto il contratto a casa “il consulente si è presentato alla mia porta”. (Sicuri di aver sottoscritto solo il contratto di energia elettrica e del gas?) continua »

Buon compleanno mercato libero!

buon compleanno mercato liberoBuon compleanno mercato libero! Il mercato libero dell’energia elettrica oggi compie 2 anni. Dal 1° luglio 2007 in Italia come nel resto d’Europa è infatti scattata la completa liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica, in attuazione della direttiva UE 54 del 2003. Anche le famiglie, cioè i clienti domestici, hanno la possibilità di cambiare fornitore di energia elettrica per risparmiare, nel migliore dei casi, fino a 100€ all’anno. continua »

Attenzione alla voce “Quota energia” nella bolletta elettrica

Consulenza nel mercato liberoIn molti di voi avranno già fissato un appuntamento con un consulente Enel, o di qualsiasi altro fornitore di energia elettrica, per conoscere le vantaggiose offerte di energia elettrica passando nel mercato libero. Il consulente di energia elettrica, per convincervi dell’allettante risparmio a cui andreste incontro aderendo alla nuova offerta, vi proporrà un confronto tra i costi della vostra attuale bolletta elettrica e quelli della vostra futura bolletta, proprio grazie alla nuova offerta. Ma prima di sottoscrivere il nuovo contratto fate sempre attenzione alla voce “Quota energia” presente in bolletta, voce che indica il costo del kWh. continua »

Sondaggio sul mercato libero

Il sondaggio sul mercato libero intitolato “Se sei passato sul mercato libero, ti ritieni soddisfatto del tuo nuovo fornitore di energia elettrica?” in data 20/05/2009 è stato trasferito sulla homepage di QualeTariffa.

Sondaggio sul mercato libero

Oggi parte il primo sondaggio di QualeTariffa, ovviamente dedicato al mercato libero. Se sei passato sul mercato libero sei invitato a votare il fornitore di energia elettrica da te scelto. Non sono stati indicati i nomi di tutti i fornitori presenti sul mercato, ma solo dei cinque più noti, soprattutto grazie alla loro massiccia presenza pubblicitaria sui media. Se non hai cambiato fornitore oppure se ti interessa semplicemente conoscere i risultati del sondaggio clicca su “Vedi i risultati”.

12»